La menopausa è “scampata” . 6 Maggio 2015 – Posted in: Dieta, il Blog – Tags: , , ,

01

Ovvero anche i crostacei vanno in menopausa.
Intendo forse quel periodo fisiologico, femminile tanto temuto e odiato da tutte/i ?
Esatto, se vi sentite tristi solo al pensiero, sappiate di avere delle amiche “in fondo al mar” che vi capiscono dal profondo del loro carapace.
Il prossimo articolo lo scriverò su 3 ricette da fare con i crostacei.

Ma veniamo a noi e facciamo un po’ di chiarezza.

La menopausa è il periodo che sancisce la fine del ciclo mestruale (evviva!) e la fine dell’età fertile, probabilmente perchè le nostre ovaie – amiche di scorribande – sono invecchiate insieme a noi, ma su di loro si vede molto molto di più. Le signorine infatti, ad un certo punto smettono di produrre gli estrogeni (noooo!) portandoci a conseguenze di cui non vorremmo sapere niente.
Gli estrogeni, che voi ignoravate fino a questo momento tengono in ordine tantissimi meccanismi importanti, sono gli archivisti del nostro corpo, le mamme in carriera dei nostri sistemi.

Quante sono le reazioni di questo mutamento?
Mille. Cambia la psiche, il desiderio sessuale, il metabolismo e di conseguenza il fisico.
Vediamo i più comuni.

Cambia il ritmo del sonno (20-25% delle donne). 01Normalmente, durante il sonno,  il cervello sincronizza i bioritmi della salute, della pressione arteriosa, della temperatura corporea, del ritmo sonno-veglia e dei ritmi ormonali. Vengono ridotti i livelli degli ormoni d’allarme (adrenalina e cortisolo), con conseguente riduzione di ansia e stress e stabilizzazione del tono dell’umore.
Rimette in ordine gli eventuali danni fatti durante la giornata. Lavoro duro il suo.
In menopausa il sonno è disturbato dalla mancata azione degli estrogeni, a cui si sommano vampate di calore, disturbi del respiro e aumento di peso.

Arrivano le vampate (70% delle donne).01
Causate dall’alterazione dei livelli di estrogeni in circolo, hanno intensità e durata variabile da donna a donna, e vengono descritte clinicamente nei modi più coloriti. La sensazione è di caldo soffocante e brividi alternati in spazi di tempo anche piuttosto ridotti.
Cosa fare?
Utilizzare un vestiario che favorisca il “copri scopri”, usare lenzuola di cotone per rispondere dall’esterno ai cambi di temperatura. Nella dieta evitare o ridurre l’uso di cibi piccanti, spezie, tè e caffè, smettere di fumare. Aumentare l’esercizio fisico per favorire la termoregolazione interna.

Cala il desiderio sessuale . 01
Questa volta non è tutta la colpa agli ormoni. Loro causano soltanto irritabilità, bruciore, disorgasmia e dolore vaginale.
Il resto lo fanno i pensieri.
Invecchiare, non poter più fare figli, essere meno attraenti, avere qualche ruga in più, aver perso la capacità di sedurre …
Pensieri che non corrispondono a realtà, ma che la condizionano inevitabilmente.

Tutto questo comporta una variazione non indifferente sui toni dell’umore01
“Il mutamento dell’immagine corporea, la perdita degli attributi acquisiti durante la pubertà, il distacco della sessualità dalla funzione riproduttiva, possono provocare ferite narcisistiche e sentimenti di perdita e di lutto.”
Il tutto dipende dalla capacità di collocarsi e adattarsi al cambiamento.
Abituatevi a cambiare fin da giovani, cambiate spesso, anche le cose più semplici, il parcheggio, il colore di capelli,il nickname su whatsapp …
Fate spesso cose diverse …

L’età di riferimento mondiale per la menopausa è 45-50 anni, se sei ancora giovane sappi che fumo, alcol, un indice di massa corporea inferiore ai 18 e poca attività fisica, possono farla venire precocemente.

E’ in generale consigliato:
1. smettere di fumare
2.fare attività fisica per aumentare il deposito di Calcio nelle ossa (sia a livello preventivo che durante la menopausa)
3.il consumo di acqua con alto contenuto di calcio (>150mg/L) se questo non comporta altri effetti collaterali
4. diminuire il consumo di proteine animali, sale, caffè e solfati
5. aumentare il consumo di latte, soia (anche se nelle ultime ricerche questo dato è in via di aggiornamento), fibra, pesce

Fonti:
1. Young T, Evans L, Finn L, Palta M (1997) Estimation of the clinically diagno sed proportion of sleep apnea in middle aged men and women. Sleep 20(9):05-706 7.
2. http://www.centropsichedonna.it/site/fasi-della-donna/menopausa/