Diabete in gravidanza. Quando la dieta aiuta te e il tuo bambino. 12 Agosto 2016 – Posted in: Dieta, il Blog – Tags: , , , , , , , ,

Se pensavate che la gravidanza fosse già per conto suo impegnativa, stancante e debilitante, sappiate che anche in questo caso tocca stare attente alla dieta.
Tanto per cambiare, no?

Se avete programmato di fare un bambino è il momento giusto di rimettersi in forma e di dimenticare quanto diceva la nonna:
o-NONNA-BETTY-facebook
1. Non è affatto vero che bisogna mangiare per due, e anche fosse, il secondo pesa inizialmente poche centinaia di grammi, quindi ha bisogno di un nutrimento piccolo piccolo. MA SANO.
2. Non è affatto vero che se avete voglia di qualcosa e non ne mangiate, voglio figlio nascerà macchiato di chiazze di quel colore,o malato di qualche cosa.
(Un minuto di silenzio per i mariti chiamati a cercare fragole con la panna il 18 Novembre).
3. Non è affatto vero che se siete incinte dovete mangiare quantità spropositate di carne, “perchè ha le proteine”. Si può seguire una dieta persino vegetariana o vegana durante la gravidanza FACENDOSI SEGUIRE da un dietista/nutrizionista.

Ora che vi ho tolto ogni scusa per rimpinzarvi di dolci e bistecche, parliamo di Diabete.
Il Diabete Gestazionale (GDM) è un’alterazione del metabolismo del glucosio che si manifesta durante il periodo della gravidanza.
Questa è l’unica scusa che potete utilizzare per pretendere cose a caso da vostro marito:
Gli ormoni.
Il 4-5% delle donne incinte (Dati 2008) sono vittime dei loro ormoni gravidici, che ostacolano l’azione dell’insulina e fanno rimanere lo zucchero in circolo nel sangue.
perche-in-gravidanza-si-hanno-le-voglie

a) Come faccio a sapere di avere il diabete durante la gravidanza?
Nell’infinito percorso tra pronto soccorso, ginecologo, ostetrica e laboratorio di analisi, vi misureranno la glicemia e vi avvertiranno.
b) Come faccio a sapere se sono predisposta?
Se hai più di 35 anni pha-093151.600
Se inizi la tua gravidanza in sovrappeso importante o in stato di obesità
Se soffri di sindrome dell’ovaio policistico
Se fumi
Se hai avuto GDM in gravidanze precedenti
c) E’ una cosa terribile!
No, per il momento viene solo al 4-5% delle donne è facile diagnosticarlo e controllarlo.
d) Cosa può portare al mio bambino?
Le condizioni più comuni sono la macrosomia, cioè il bambino nasce con un peso molto elevato; la ipoglicemia neonatale, cioè il bambino appena nato non riceve più dal tuo corpo quella dose massiccia di zuccheri che riceveva nella placenta, per cui va in deficit di zuccheri; il rischio aumentato di sviluppare in vita il diabete.
e) Cosa fare dunque?
Una volta scoperto di avere il GDM è necessario muoversi su 3 fronti:
1. LA DIETA                                         2.LO SPORT                      3. IL CONTROLLO GLICEMICO
– Preferire prodotti integrali           Scegliere uno sport          Tenere un diario clinico in
(pane, pasta, riso…)                           adeguato e farlo con        cui si registrino le glicemie
– Seguire dieta mediterranea          COSTANZA.                        per monitorare l’andamento
– Perdere il peso in eccesso o                                                          di questa patologia.
mantenere il peso ideale.
Se non fai la brava su questi tre punti, o comunque nei casi più gravi, sarà
necessario procedere con l’insulina. rottermeier-1
(Altro che nonna, sembro la signorina Rottermeier!)

f) E dopo?
So che sono stata un po’ terrificante nelle risposte precedenti, le belle notizie arrivano ora.
Dopo la gravidanza il diabete gestazionale tendenzialmente sparisce, rimanendo una condizione di adattamento agli ormoni di cui sopra.
Se avete seguito una corretta alimentazione, avete mantenuto costanza nello sport e avete controllato la glicemia, facendo bene attenzione, tutto dovrebbe tornare a posto.
Bisognerà monitorare a ridosso del parto per 4-6 mesi la glicemia e controllare che se ne vada. 😀
Sarà necessario mantenere dieta e attività fisica ad un livello adeguato e bilanciato alla vostra nuova condizione di mamma.
Sarà importante passare questi messaggi di salute ai propri figli onde evitare che sviluppino nell’età adulta obesità o diabete mellito di tipo II.