Pranzo di Ferragosto. 14 Agosto 2017 – Posted in: Dieta, il Blog

Lo so.

Il 2017 è stato l’anno con la più alta concentrazione di occasioni ravvicinate.
Dopo il solito Natale,
Pasqua,Pasquetta, 25 aprile, 1 maggio (e mettiamoci pure il 2 giugno ) sono stati lì a stretto contatto a evitarci di “iniziare Lunedì”.
Ho una buona notizia e una cattiva.
Quale vuoi prima?
Quella buona è che è passato abbastanza tempo, per cui potresti esserti rimessa in forma.
Quella cattiva è che Pasqua, Pasquetta & co. torneranno, ogni anno.

La vera notizia cattiva è che nessuna (dico nessuna) festività dovrebbe rappresentare un problema.

Sento l’applauso delle nonne.

La filippica è sempre la stessa.
Se sei abituata a mangiare bene, un pasto un po’ più abbondante e condito non ti ucciderà”.

Ma anche: “Non si ingrassa tra Natale e Capodanno, ma tra Capodanno e Natale.”

Allora ecco 3 idee per organizzare un pranzo di ferragosto ad hoc, che sia il primo riferimento dell’equazione:
festa = no rinunce.

#1 Ferragosto e la Grigliata
Il pane
 è un fantastico accompagnamento a verdure fresche e di stagione, o ad un olio di estrema qualità; in più, la sua tostatura ne riduce l’impatto sulla vostra glicemia.
Se vi piace quello sciapo, il vantaggio è doppio.

Indice glicemico controllato, ritenzione idrica sobria.

Carne o pesce. Sul pesce alla griglia non ho niente da dire. Sono una fan.
( #teampesce )
Sulla carne, devo fare il pelo ad alcuni tipi di carne molto poco estivi, ma molto usati sulle roventi piastre.
Le salsicce.
1 salsiccia contiene le stesse calorie di un’orata.
Ma il problema in sè (eviterò di citare l’OMS e la carne rossa) è che non costituisce quasi mai il pasto. Oh-no1Viene sempre associata a una bistecca, della pancetta…
Da quando faccio la dietista, sto diventando amica delle emarginate Verdure, loro nella grigliata sono sempre veramente troppo poche.
15 persone, 20 salsicce, 1 piatto di pomodori.
10 persone 12 bistecche 3 zucchine.
Ma io dico.
#2 Ferragosto e la Frittura
Vi vedo, siete in spiaggia felici (brave/i), c’è un ristorante così carino sul lungomare… Che fai non ti fermi? E certo, se non altro per rispetto dei poveri ristoratori/camerieri/fornitori che sono a lavoro per renderti stupenda l’estate.
Quindi siamo al menù, fritturina di pesce?
Come dicevo sopra, sono una fan.
Oltre alla classica “calamari e gamberi”, esistono delle stupende alternative.
Le alici e le sardine ad esempio, da fritte sono un ottimo “integratore” di magnesio e Selenio.
Se sono la vostra dietista, la frittura non è un nemico, ma ci sono due tre cosine da tenere a mente.
Meglio friggere prodotti della pesca freschi,asciutti e leggermente infarinati.

Il gioco da evitare è “olio bollente – acqua.”
L’uno dà fastidio all’altra ,e, una frittura mal fatta può portare al vostro metabolismo un sovraccarico del lavoro non da poco.

Se friggete voi, fatelo in abbondate olio pulito.
Se frigge il ristorante, che sia qualcuno di cui vi fidate e dita incrociate.
Chiunque frigga, la frittura di pesce non costituisce un pasto completo.
Manca una porzione abbondante di verdura/ortaggi.
No, le 3 foglie di insalata sotto i gamberetti non bastano.
Mancherebbe una più leggera porzione di carboidrati, che integrerei con la frutta a fine pasto.

Che ne dite? Si può fare?
Buon Ferragosto!