Rispondo Lunedì 4 Settembre 2017 – Posted in: il Blog, Rispondo Lunedì – Tags: , , ,

#1 Cosa mangio in macchina per evitare il mal d’auto?
Ammetto che questa domanda mi ha lasciato per un po’ perplessa, nessuno me l’aveva mai posta e prima di rifletterci su, mi sono venuti in mente tutti i consigli della nonna in merito.
“Non bere”, “mangia cose secche”, e anche quelli meno ortodossi, che non si sa da dove abbia preso: “tieni le mani così”, “spingi col dito sull’avambraccio”.
In realtà, in questo caso sono i più sensati.
Eviterei cibi troppo elaborati e pesanti, snack confezionati e bevande zuccherate.
[Li eviterei sempre, non solo prima di un viaggio.]
Poi bere acqua a piccoliiiiiiiiissimi sorsi.

#2 Insalata, pomodori, tonno e cetrioli sono un pasto completo?
Manca una buona dose di carboidrati, fonte di energia “pulita” favorita dal nostro corpo.
All’interno di una dieta equilibrata (alimentazione, idratazione, attività fisica) è necessario integrarne in quantità, ma soprattutto di ottima qualità.
Una porzione di cereali (farro, orzo, riso…) o una porzione di pane sciapo o integrale, sono delle ottime scelte.

#3 Quante kcal si bruciano facendo le pulizie?
Dipende dalle pulizie. Secondo alcune fonti (*non troppo attendibili) passare lo straccio per un’ora farebbe bruciare oltre 200kcal.
Ma avete un salone così grande?
Continuo a tifare per un po’ di sport o una passeggiata 😉

#4 Meglio il latte di soia o di avena?
Come sempre, dipende.
Meglio per che cosa? Confrontiamoli.
A livello calorico, il latte di soia ha una manciata in meno di kcalorie, ma un contenuto più alto di proteine e di minerali quali Ferro e Calcio.
Quello di Avena invece ha un buon contenuto di carboidrati, per cui l’eventuale colazione associata può essere leggermente più “povera”.

#5 Cosa ne pensi della dieta a zona?
Non è la mia preferita, poichè non rispetta a pieno i fabbisogni, soprattutto quello proteico. Ad ogni modo è molto più equilibrata di altre diete “di moda”.
Dividere i macronutrienti in percentuali (40% di carboidrati 30% di proteine e 30% di grassi) non è propriamente personalizzato, ma sicuramente più equilibrato di altre diete che ne escludano a priori il consumo per sempre, per alcuni giorni alla settimana o simili.

#6 Ogni quanto bisognerebbe pesarsi?
Dipende da cosa stiamo facendo, in genere sconsiglio per il controllo del peso o durante un percorso nutrizionale di pesarsi ogni giorno.
Le variabili che influiscono su una piccola variazione del peso possono essere molte e Iper-monitorarlo può diventare fonte di stress. In linea generale ogni 7-10 giorni può essere un’indicazione valida.
Caso completamente diverso lo sportivo a livello agonistico, o ad esempio il pugile, che ha necessità di monitorarsi molto più dettagliatamente.

#7 Frutta secca, quanta bisognerebbe mangiarne?
Le linee guida fino a 25-30g al giorno,ma dato che sono molto caloriche e importante fonte di proteine e grassi, è importante valutarne l’inserimento nella dieta in relazione a peso, età sesso e livello di attività fisica.