logo

Sono una giovane (per ora) dietista di Roma, preparata e attenta ai bisogni del paziente.

Elaboro piani nutrizionali personalizzati per individui sani, con patologie e mi occupo di educazione alimentare per adulti e bambini.

Dal 2014 mi occupo del trattamento dietetico – nutrizionale in gravidanza, e dal 2017 collaboro con lo Studio Ostetrico Ginevra.

Dal 2015 mi occupo del trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare in collaborazione con la Dott.ssa Barbara Fornaciai.

Da Novembre 2014 svolgo attività di libera professione presso studi di Roma, in collaborazione con medici e professionisti sanitari.

Made with love by accéntra

Rispondo Lunedì _02.2018

Rispondo Lunedì _02.2018

Ritorna il nostro spazio Domande e Risposte! Ogni primo Lunedì del mese 🙂
question

#1 Quante volte a settimana bisogna mangiare formaggi e salumi?
Secondo le linee guida (LARN) e la Piramide alimentare, le porzioni settimanali di salumi sono rispettivamente di 3 porzioni da circa 50g a settimana e di 4 porzioni per i formaggi, alternandone formaggi freschi (100g) e stagionati(50g).
Il tutto se si sta seguendo una dieta bilanciata e costituita da 7 pranzi e 7 cene che comprendano sempre una fonte di carboidrati, una di proteine e una di lipidi, accompagnate da abbondanti porzioni di verdura/ortaggi.
Queste sono le indicazioni generali, dalle quali si può personalizzare aumentando/diminuendo dosi e frequenze sulla base del proprio stile di vita.

#2 Il metabolismo lento esiste?
E’ scorretto parlare di velocità nel caso del metabolismo. Quello che tutti chiamano metabolismo, spesso viene erroneamente definito veloce o lento sulla base dell’efficacia che abbia nel farci perdere peso se siamo a dieta.
L’errore è il seguente: il metabolismo è una serie di processi con cui ciò che si mangia e beve viene trasformato in molecole che il nostro corpo utilizza.
Si conta in kcal,  e le kcal non sono veloci o lente, sono di più o di meno.
E’ come il denaro. Se ho 100€ e li spendo tutti in un paio di scarpe, oppure in tante confezioni di palloncini, ho speso comunque 100€.
Se l’energia di cui hai bisogno nella giornata (che non è il metabolismo,ma il fabbisogno energetico) è di 1500kcal anzichè 2000kcal, non è più lento, è DI MENO.

#3 Come si fa ad aumentare il metabolismo con la dieta?
Facendo sport.
Il FABBISOGNO ENERGETICO aumenta, aumentando la % di massa magra, quindi aumentando il livello di attività fisica.

#4 Perchè dopo aver perso un certo numero di kg, il mio peso si ferma?
Questo evento, detto plateau del peso, è un evento tutto sommato prevedibile e bisognerebbe smettere di trattarlo come un effetto collaterale sgradevole e che porti con sè tutta una serie di sensazioni negative, che spesso sono la causa dell’interruzione di un percorso nutrizionale.
Il tuo corpo non è un problema da risolvere, il tuo peso corporeo neanche.
Quando si verifica un rallentamento o uno stop nel calo ponderale, è il caso di recarsi dal dietista/nutrizionista che ci segue o chiamarlo,  per valutare la causa del plateau e trovare un rimedio.

#5 Esiste una dieta specifica per il trattamento della dermatite atopica?
Se ci fate caso, cercando (anche su internet) “dieta per …” e inserendo al posto dei puntini un qualsiasi stato patologico o fisiologico, vengono fuori diverse informazioni. (quasi) Tutte hanno – almeno- l’accortezza di sottolineare di: idratarsi a sufficienza, mantenere uno stile di vita attivo, mangiare sufficienti dosi di vegetali/ortaggi, scegliere prodotti di qualità ed evitare quelli troppo elaborati o zuccherati.
Rispondo con una domanda, vi viene il dubbio che sia proprio dentro queste raccomandazioni generali la chiave per migliorare il proprio stato di salute?


In merito alla dermatite atopica, esiste un metodo sperimentale (Metodo Apollo), che si sta occupando del trattamento della stessa e che mette insieme personale medico e sanitario (medicina + dieta +integrazione +psicoterapia… ).
*lascio fonti a fine articolo

#6 E’ meglio una pizza rossa o una margherita?
Come dico sempre, meglio e peggio, in ambito alimentare non esistono. Mi spiego. Tutto dipende da cosa cerchiamo, gli alimenti non sono mai una cosa soltanto. La pizza non è tutti carboidrati, la frutta non è tutta zuccheri, la carne non sono proteine…
Dando per scontato di mangiare una pizza intera e dovendo noi prestare attenzione alle kcal, è preferibile consumare pizze rosse (con pomodoro), rosse con funghi o rosse con verdure.
Tutte e tre queste opzioni però, non costituiscono pasto completo, manca infatti una sufficiente dose di proteine.
Quindi meglio la margherita? Nì. Pizze che contengano una fonte proteica (mozzarella, affettato,pesce, uova…) rimangono comunque molto squilibrate nei nutrienti e nei condimenti.
Molti carboidrati, poche proteine, grassi variabili in base a quanti giri d’olio.
Quindi? Se la scelta è prettamente calorica e vogliamo una pizza intera conviene consumare una pizza a base rossa con funghi, verdure o alici.
Se si vuole prestare attenzione anche ai nutrienti, un trucco semplice è consumare metà di una pizza che “contenga” anche una fonte proteica.
[meglio ancora se a base integrale!]

#7 Il caffè fa bene o fa male?
Che il caffè (e in particolare la caffeina) abbia un effetto stimolante per il nostro organismo,è ormai noto. Non a caso, poichè fa parte delle sostanze nervine (che hanno azione sul sistema nervoso) rimane sconsigliato ad esempio nel caso di ipertensione arteriosa.
Inoltre,  tenendo le nostre cellule “attive”, grazie alla caffeina, aumenta l’effetto termogenico (ci fa bruciare di più).
Questo non lo rende una buona scelta “dimagrante” per almeno 2 motivi.
Il primo è che spesso non lo beviamo amaro, nè da solo, quindi il suo effetto sulla termogenesi diventa molto blando. Il secondo è che per avere un effetto dimagrante a partire dalla bevanda caffè, dovremmo assumerne talmente tanto che avremmo non pochi effetti indesiderati su pressione arteriosa, escrezione di calcio a livello urinario, intestino e tachicardia.

Tra gli altri effetti positivi della caffeina, troviamo un leggero effetto analgesico, soprattutto a livello bronchiale e verso le emicranee.
Come per ogni alimento dunque, la differenza la fanno quantità giornaliere e frequenze settimanali.

Come tutto, é un ottima fonte di… se assunto con moderazione, all’interno di una dieta equilibrata.

Ci vediamo il 5 marzo con il prossimo Rispondo Lunedì.
Per inviare le tue domande, scrivi una mail a sara@iniziolunedi.it con oggetto Rispondo Lunedì, le più interessanti verranno pubblicate !

giphyFonti:
– http://www.psoriasimetodoapollo.com

– http://www.sinu.it/html/cnt/larn.asp

– http://www.piramideitaliana.it

– Quantification of the effect of Energy inbalance on bodyweight – Hall KD,Sacks G, Chandramohan D, Chow CC, Whang YC, Gartmaker SL, Swinburn BA – Lancet – 2011; 378:826-837.

 

No Comments

Post a Comment